18/09/2016

Adesso basta !

Non ne posso più di questa donna.
Con le sue nevrosi.
Con le sue insicurezze.
Con le sua insoddisfazioni.
Per fortuna fra una settimana, dieci giorni al massimo sarà finito tutto.

Ma che avete capito, non sto parlando di mia moglie, sto parlando di Lenù, alias Elena Greco, la protagonista della quadrilogia de "l'amica geniale" di Elena Ferrante.

Oggi ho finito il terzo volume, tempo una settimana e avrò finito il quarto, poi datemi un buon Simenon per favore!

13/08/2016

rigirare la frittata

La peraltro simpatica Lucia Borgonzoni, a proposito dei problemi del traffico bolognese e sull'inutilità della riduzione dei limiti di velocità in città (parzialmente d'accordo anch'io su questo, perché ridurre i limiti di velocità senza farli rispettare non serve a nulla), sostiene a pagina 3 del Carlino Bologna di oggi che: "Per mettere in sicurezza le vie della città basterebbe iniziare a prendere seri provvedimenti nei confronti di quei ciclisti che non ottemperano ai loro doveri, uno dei veri pericoli in città e soprattutto in centro".

È la merda che si ribella al badile.

06/08/2016

tre settimane da ricordare

Sì bisogna proprio evitare di dimenticarle queste ultime tre settimane:

19 luglio, ore 17, 36 gradi: un'ora sotto al sole a lavare e spolverare la macchina
20 luglio, un certo malessere durante tutto il giorno e alla sera, al ritorno a casa, scopro di essere febbricitante
21 luglio, caldo atroce, non mi sento affatto bene ma ho una riunione nel pomeriggio a Forlì e figuriamoci se do buca. Alla sera, tornato a casa, il termometro si ferma a 39.5
22 luglio, mattina, non ho impegni di lavoro QUINDI vado dal medico e racconto la febbre degli ultimi giorni, senza altri sintomi. Dopo una breve visita il medico conclude che potrebbe essere l'effetto di un colpo di calore e mi raccomanda di prendere tachipirina e stare al fresco.
25 luglio, lunedì, primo giorno senza febbre, mi sento comunque uno straccio ma è una giornata con impegni importanti di lavoro e figuriamoci se manco. Pessimo affare: in una riunione di valutazione di un importante progetto a malapena riesco ad articolare qualche parola e mi sciolgo per tutto il tempo in un bagno di sudore. Figura di merda.
26 luglio, tosse secca ed insistente, ma non c'è febbre quindi anche se sto da schifo vado a lavorare, e così per il resto della settimana, tanto è l'ultima poi finalmente me ne andrò al mare a recuperare !
30 luglio, sabato finalmente sono in ferie e naturalmente oltre alla grande tosse ritorna la febbre.
1 agosto lunedì, invece di partire per il mare torno dal medico e lo aggiorno sull'ultima settimana: antibiotico e lastra urgente ai polmoni che conferma la nuova diagnosi: una lieve polmonite. Ben mi sta !

6 agosto, 9.40, accidenti sono in ritardo per l'antibiotico !

commozione

E' senz'altro uno dei tanti effetti dell'età che avanza, commuoversi continuamente per cose commoventi: la notizia di un povero bambino che muorele storie di alcuni campioni olimpionici, ma anche cose meno serie come i finali edificanti dei film a cartoni animati.
Che ci volete fare, non c'è rimedio.


lutto

E' un piccolo lutto finire la lettura di un romanzo nel quale ti eri immerso totalmente.
Ed  è così che mi sono sentito ieri quando, dopo neppure una settimana, ho finito di leggere Lasciar Andare, il primo romanzo di Philip Roth,



09/06/2016

traduzione

La versione italiana di En Cas de Malheur di Simenon si intitola In Caso di Disgrazia ed è disponibile nell'edizione di Adelphi.
In questo romanzo del 1955 di Simenon troviamo una storia che sembra presa direttamente dalla cronaca nera di oggi, trasposta con solo qualche piccolo adattamento alle consuetudini dell'epoca.
E' un caso di stalking.
A dimostrazione che, purtroppo, non c'è nulla di nuovo sotto il sole.

08/06/2016

En Cas De Malheur

Romanzo di Simenon. 
Divorato in tre sere.
Appena riesco voglio vedere anche il film: https://youtu.be/jI_R1Z0iGug

24/05/2016

proprio quello?

Ma l'avete visto il manifesto elettorale dei 5 stelle per Bologna?

Anche voi vi siete chiesti com'è possibile che sia stato scelto proprio quello?

La mia opinione è che Grillo abbia preso l'unico che non gli rompeva
le palle di questa città e gli abbia chiesto se aveva ancora
nell'armadio l'abito e la cravattina del matrimonio.

Sì? Bene allora tu sarai il candidato sindaco, deve avergli detto, ma
fatti crescere quella barbetta così sembrerai più intelligente.

Ed eccolo qua !

06/05/2016

pescegatto e lombrico

Ecco, un pescegatto che vede un succulento lombrico agitarsi intorno all'amo a cui è appeso, prova le stesse sensazioni che sto provando seduto in questa sala con questo paio di gambe che s'accavallano e oscillano continuamente sotto al mio naso.

non dico che

Non dico che sia felicità, ma essere finalmente riuscito questa mattina a pulire perfettamente l'interno del parabrezza senza lasciare aloni mi ha dato una immensa soddisfazione.
Il problema mi angosciava da anni, ascoltavo consigli, usa fogli di giornale; secchi? no imbevuti; di acqua? no, di alcol.
Compravo prodotti promettenti e altri patetici palliativi, ma nulla: l'alone, la patina, non se ne andava.
Poi ieri pomeriggio, con mia moglie, dopo essere inorriditi vedendo un lato del divano, the dark side of the couch, completamente affrescato dai resti delle moccole del bambino, sapientemente tolte dal naso e accuratamente spalmate sul divano, abbiamo riesumato un acquisto di 10 anni fa mai utilizzato: la vaporella.
Al termine del lavoro sul divano l'ho provata sulle manate, sempre del bambino, stampate sulle finestre.
E lì ho avuto la rivelazione: i vetri sembravano appena usciti dalla fabbrica e in un attimo decisi che l'indomani avrei fatto la stessa cura al parabrezza.
E ha funzionato!

04/05/2016

poi, forse, chissà quando, si vedrà

Qui comunque c'è un progetto che potrebbe rimettere le cose a posto.

http://www.comune.bologna.it/sites/default/files/documenti/Volantino%20e%20mappa%20dei%20lavori.pdf

Staremo a vedere.

Via Benazza: r.i.p.

il ragazzo della via Gluck

Ecco, con questi marciapiedi pieni di cacche di cane, con i portici
impregnati di piscio, con i cassonetti circondati dalla monnezza, con
i ruderi delle fabbriche abbandonate, con i cantieri non finiti e
infiniti, con i liquami nei canali, con i fossi invasi di spazzatura,
con i murales cancellati, con le auto nevrotiche, con i motorini
impazziti, con i furgoni sconsiderati, con gli autobus incazzati era
rimasta solo la via Benazza, che ti lasciava il piacere di una strada
tranquilla per fare una passeggiata in bicicletta o a piedi con i tuoi
bambini e uscire da queste angosce verso quello che è rimasto delle
antiche campagne intorno a Bologna.
Era rimasta e adesso non c'è più.
Semplicemente abolita, cancellata dalle mappe, con questo bel muro di
cemento a dire: qui non si passa più, deve passare il treno.
Già perchè, visto che la maggioranza dei frequentatori di via Benazza
erano in bicicletta o a piedi, mica valeva la spesa di costruire un
ponticello o un piccolo sottopasso per loro.
A noi del Comune che cazzo ce ne frega di loro ?
Buonanotte

20/03/2016

5T





25/01/2016

Prestito Prorogato

Ce l'ho in prestito da un mese, ma ho dovuto chiedere una proroga per
finire di leggerlo.

E qui si può capire perchè:
http://creatinginterest.blogspot.it/2007/11/talk-show.html?m=1

Ma ne vale la pena